L’importanza del collagene (la proteina) per il nostro corpo e per la nostra salute

L’importanza del collagene (la proteina) per il nostro corpo e per la nostra salute

Il collagene è la più importante proteina, non solo umana, ma di tutti i vertebrati. Rappresenta oltre il 30% del peso totale delle proteine presenti nel corpo umano.

matrice extracellulare e collagene

 

Di collagene è composto il tessuto più importante per la nostra vita: quello connettivo. Ognuno sa quanto sia importante il sangue per l’organismo, ma sono pochi a rendersi conto che il nostro corpo si tuffa letteralmente in un mare di collagene. Il liquido corporeo in cui sono immersi i nostri tessuti è proprio il collagene. Anche la matrice delle ossa, del capello e della dentina sono composte da collagene.
Quale è l’organo più esteso del corpo umano?

Questa domanda risulta problematica e le risposte sono spesso sbagliate: è la pelle che oltre a coprire, proteggere e abbellire il nostro corpo, lo aiuta a espellere, secernere e respirare. Il collagene rappresenta il 70% delle proteine cutanee.

Il collagene non ci viene dato una volta per sempre. Infatti, è soggetto ad un continuo ricambio all’interno del corpo. Degenera e allo stesso tempo viene prodotto e controllato continuamente dai condrociti, cheratinociti e fibroblasti che sono un vero e proprio cantiere di produzione e rigenerazione del collagene.

Quale è il meccanismo? All’interno di un dente, occhio o pelle si verificano processi di biosintesi che portano al formarsi di una sequenza ripetuta del procollagene composta di almeno 19 amminoacidi. Le sequenze di catene peptidiche formano a loro volta catene polipeptidiche lunghe fino a 1.000 amminoacidi. Così partono dal “cantiere”, ovvero da una cellula fibroblastica e, una volta arrivate nello spazio extracellulare, si avvolgono l’una sull’altra in eliche sinistrorse.

Questo è l’aspetto fondamentale della biochimica delle proteine. Si parla spesso “dell’incapacità” del collagene, applicato sulla pelle, di penetrare all’interno delle cellule del derma, ed in particolare nei fibroblasti e cheratinociti che lo producono in natura… È una confusione.
Della penetrabilità del collagene, ne parleremo ancora più avanti. Va comunque sottolineato che nessuno ha mai richiesto che queste grandi proteine estratte dal pesce, spalmate sulla pelle, penetrassero all’interno delle nostre cellule che producono naturalmente il collagene. E nessuno ha mai detto che così fosse. Innanzitutto, effettivamente è impossibile.

E poi, perché mai ne avremmo bisogno?

L’azione transdermale del Collagene Naturale COLWAY è basata su principi completamente diversi. La resistenza dei cinque strati dell’epidermide umana porta infatti ad una disintegrazione delle eliche del collagene di pesce in amminoacidi la cui struttura è uguale a quella del collagene umano. Sono amminoacidi identici a quelli del collagene umano: idrossilisina, glicina, prolina o idrossiprolina.

Particolarmente interessante quest’ultimo, poiché risulta abbastanza facile verificare in qualsiasi prodotto, quanti milligrammi ne sono contenuti in un millimetro cubo. La stessa regola vale anche per i campioni comparativi di matrice extracellulare.

La matrice extracellulare è una rete gelatinosa di proteine e carboidrati che fa da impalcatura all’interno dei tre strati della pelle: derma, ipoderma ed epidermide. È composta prevalentemente da acqua, collagene, elastina, glicoproteine e carboidrati. Tolti i due terzi dell’acqua che contiene, la sua consistenza e aspetto sarebbero praticamente uguali al Collagene Naturale COLWAY.

Quando tentiamo di stimolare il miglioramento delle condizioni del collagene nella nostra pelle con un’apposita dieta, applicando delle creme contenenti sostanze attive e vitamine, oppure utilizzando il Collagene Naturale COLWAY, il nostro obiettivo è in realtà quello di aumentare la quantità del collagene nella matrice extracellulare! È dentro quella matrice che si crea una rete, la cui densità è decisiva per elasticità, tonicità e presenza delle rughe sulla pelle.
I “cantieri” del collagene, ovvero i fibroblasti, condrociti e cheratinociti rilasciano le catene polipeptidiche proprio all’interno dello spazio extracellulare. Solo lì, grazie all’azione dell’acido L-ascorbico (vitamina C), le sequenze di amminoacidi si avvolgono in eliche. Sappiamo ormai che lo fanno molto più volentieri se la matrice extracellulare viene alimentata da una pioggia di peptidi assorbiti dalle eliche di collagene di pesce che si disintegrano penetrando gli strati sempre più impermeabili dell’epidermide. Questa è la sintesi dell’azione transdermale del Collagene Naturale COLWAY.

Il processo descritto può essere dimostrato oggi in ben cinque maniere: tramite la biopsia del tessuto e la misurazione del livello di idrossiprolina prima e dopo l’applicazione dell’idrato di proteina, applicando una quantità di radioisotopo al prodotto e seguendo il suo percorso all’interno del corpo, osservando la riduzione dell’attività soppressiva dei linfociti T in colture in vitro contenenti il collagene, mediante marcatura immunofluorescente o infine rilevando con il metodo densitometrico la percentuale dei peptidi che producono le cosiddette catene alfa nel prodotto.

Le proprietà transepidermiche di questi peptidi sono incontestabili. Non sappiamo invece esattamente, perché la stimolazione del tessuto con amminoacidi dell’idrato di collagene di pesce stimoli le funzioni dei fibroblasti e cheratinociti. La questione richiede esami ad un livello molto avanzato e per adesso è poco probabile che questi ultimi possano essere eseguiti in Polonia. In ogni caso le frequenti contestazioni dei valori del Collagene Naturale COLWAY “dal punto di vista scientifico” sembrano poco ragionate.

Nessuno dei critici del collagene si pronuncia basandosi su esiti di esami, perché semplicemente esami del genere non sono stati ancora effettuati. Le proteine collageniche rimangono sempre un ramo poco conosciuto della bioorganica in grado di umiliare rapidamente quelli che sostengono di saperne molto. Ad oggi alcuni tipi e sottotipi del collagene non sono stati neppure descritti bene. L’aspetto della tripla elica del collagene “assomiglia molto” alla spirale del DNA umano e si rivela molto più misteriosa di quel genoma umano, conosciuto ormai abbastanza bene. Il DNA è rinchiuso nelle cellule, mentre la superelica vive negli spazi extracellulari.
Quando sentite e leggete giudizi di tipo: “Il collagene, essendo una proteina multimolecolare, non è in grado di permeare la cute”, “È impossibile che il collagene raggiunga le cellule della pelle”, ecc., sappiate che sono logicamente corrette, ma completamente fuori proposito. Contestano tesi che nessuno sostiene.

Il Collagene Naturale COLWAY non permea e non deve permeare il derma. Per la stimolazione della produzione del collagene naturale dalla pelle, è sufficiente che le catene peptidiche dell’idrossilisina o idrossiprolina, risultanti dalla disintegrazione della spirale della proteina di pesce che penetra all’interno della pelle, arricchiscano lo spazio extracellulare dello strato fra il derma e l’epidermide.
Questo processo impegna relativamente poco le cellule, tranne la prima fase della creazione dei peptidi che comunque si trovano successivamente “espulsi” all’esterno della cellula. È proprio nello spazio extracellulare che il procollagene prodotto dai fibroblasti forma le eliche.

E quindi il “nostro” collagene NON HA BISOGNO di penetrare nel nucleo cellulare… Il collagene di pesce applicato sulla pelle non si incorpora miracolosamente nelle nostre fibre collageniche, non permea integro la pelle, non penetra nei fibroblasti e nessuno lo ha mai neanche detto. Il collagene arricchisce invece la nostra matrice extracellulare, di tutti gli strati della pelle, di amminoacidi stimolando l’attività dei fibroblasti non ancora descritta clinicamente.

Aumenta quindi la produzione di collagene endogeno da parte del corpo stesso. Gli esperti di cosmesi e dermatologia che contestano a priori l’azione del Collagene Naturale traggono i loro argomenti direttamente dai libri su cui hanno studiato, scritti tuttavia, tutti nel Novecento. Fino alla fine degli anni Sessanta si scriveva che il collagene fosse insolubile nell’acqua (palesemente errato); negli anni Ottanta, che potesse conservare la struttura a spirale solo all’interno di un organismo vivente (anche questo sbagliato); invece negli anni Novanta e anche dopo, che le sue molecole fossero “troppo grandi” per muoversi nell’epidermide (superata anche questa convinzione).

Oggi, semplici esami immunologici, sono in grado di dimostrare come le molecole del collagene nascono e successivamente migrano nella matrice extracellulare dell’epidermide, dove gli enzimi endogeni stimolano l’unirsi dei peptidi prodotti nei cheratinociti in catene di più centinaia di amminoacidi.  Tutto quello succede addirittura in uno strato dell’epidermide “troppo denso” secondo lacosmesi moderna per permettere il movimento delle proteine multimolecolari.

Un’importante azienda presente sul mercato polacco diffondeva ancora poco tempo fa le analisi effettuate dal SCCNPF,  uno dei comitati UE, dai quali risultava che i composti chimici dalla massa molecolare di appena 1.000 “venissero intrappolati” nell’epidermide.

Lo sviluppo della biochimica archivia tesi del genere con una velocità degna dell’era dell’informazione. Il collagene prodotto nei cheratinociti (e quindi all’interno dell’epidermide) si muove senza particolari problemi negli spazi extracellulari. Uguale la situazione nella matrice extracellulare dello strato basale della pelle. L’idrato di collagene estratto dalla pelle del pesce (Collagene Naturale COLWAY) composto da strutture a spirale dal diametro fino a 1,4 mm penetra ovviamente nello spazio extracellulare. È incontestabile che permei l’epidermide e la matrice extracellulare dell’epidermide e del derma.
Non c’è bisogno di alcun esame clinico. L’affermazione scorretta secondo cui l’epidermide sarebbe totalmente impermeabile ai peptidi può essere derisa anche da uno studente durante una semplice esercitazione con un microscopio elettronico. Eppure molti medici ed esperti di cosmesi polacchi continuano ad ignorare il concetto della matrice extracellulare ed il fatto oggettivo della sua presenza in tutti gli strati della pelle. Lo si trova invece più facilmente nella letteratura anglosassone sotto un’affascinante denominazione “extracellular matrix – ECM”.
Non diverso è l’aspetto della comprensione ed accettazione in categorie empiriche dell’importanza di fenomeni come la conservazione dal collagene della propria struttura ad elica raggiunta attraverso i processi metabolici anche dopo aver lasciato il proprio ambiente naturale, ovvero il corpo di un vertebrato vivente, oppure in quale misura e perché mai stiamo parlando qui di una proteina “viva” e biologicamente attiva.
logo
Isabella Zmigrodzka – Mantegazza
Cosmesi Bio-Collagene
Sales and Marketing Expert

Mobile: +39 329 79 06 792

http://bio-collagene.com

Latest post: i danni alla cartilagine e alle ossa dovuti alla carenza del collagene sono irreversibili, provocano non solo dolori fortissimi ma inevitabi… Testimonianze | COLVITA integratore al collagene ittico
  Like · Comment · Share Cosmesi Bio-Collagene page on Facebook     Like

, , , , , , , , , , ,

3 Responses to “L’importanza del collagene (la proteina) per il nostro corpo e per la nostra salute”

  1. giada Says:

    che bello!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Reply

  2. pierfrancesco Says:

    salve,scusate ma le cellule epiteliali dell’epidermide sono connesse intimamente tra loro tramite gap junction..come possono passare catene di aminoacidi??????le giunzioni strette a livello apicale tra le cellule superficiali dello strato corneo sono estese a tutta la superficie della membrana fosfolipidica cellullare come può passare una catena peptidica?.. o passa per diffusione attraverso la membrana cellulare o non passa..scusate se mi permetto non sono ne un dottore ne chissà chi ma pensate voi studio e pratico shiatsu,ma sono appassionato di fisiologia e anatomia,così mi sono permesso… ancora riguardo quello che diceva lei prima sul: non si sa ancora come i fibroblasti possano produrre protocollagene se stimolati da questi prodotti… forse la spiegazione è semplice ..ammesso che questi peptidi entrino e arrivino nella mec..a questo punto l’acqua si muoverebbe per osmosi dalla cellula verso il liquido extracellulare perchè ora con l’aggiunta dei vostri aminoacidi la soluzione e ipertrofica in confronto alla soluzione del citoplasma cellulare o sbaglio? rilasciando acqua la mec si idrata ancor di più e l’acqua lega i gag i protoglicani ecc ecc.. secondo lei può dipendere da questo?ma se succederebbe questo allora la cellula dei tessuti raggrinzerebbero in favore di una mec più attiva..che ne dice su qualcosa ci ho azzeccato?..cordiali saluti

    Reply

    • Isabella Mantegazza Says:

      Gentile Pierfrancesco,

      Innanzitutto mi scuso per il ritardo nella risposta e la ringrazio per il suo intervento e le sue domande. Adesso, dopo ormai 8 anni di presenza sul mercato dei nostri prodotti sappiamo molto di più e abbiamo anche fatto, come azienda, diversi test al riguardo.

      La cosa che ci piace di più è il fatto che i prodotti ricevono una valutazione elevata da parte dei nostri Clienti per un semplice motivo: funzionano davvero.
      Sia il Colvita – integratore ma anche il Collagene Naturale gel e la nostra linea cosmetica diventano conosciuti e apprezzati non solo in Italia e in Svizzera ma anche in diversi Paesi nel mondo.

      Ora rispondo con una breve descrizione di cosa succede nel nostro corpo quando utilizziamo il Collagene Naturale gel spalmandolo sulla pelle:

      “….Per la stimolazione della produzione del collagene nella pelle, è sufficiente che le catene peptidiche dell’idrossilisina o idrossiprolina, risultanti dalla disintegrazione della spirale della proteina di pesce, arricchiscano lo spazio extracellulare dello strato fra il derma e l’epidermide. La matrice extracellulare è una rete gelatinosa di proteine e carboidrati che fa da impalcatura all’interno dei tre strati della pelle: derma, ipoderma ed epidermide. È composta prevalentemente da acqua, collagene, elastina, glicoproteine e carboidrati.

      È dentro quella matrice che si crea una rete, la cui densità determina l’elasticità, la tonicità e l’idratazione della pelle. Questa è la sintesi dell’azione del Collagene Naturale bioattivo gel. Non servono iniezioni né trattamenti invasivi che sfiorino il derma….”.

      Se vuole, posso spedirle anche i risultati dei test (in lingua inglese) per e-mail. Mi faccia sapere, se è interessato a riceverli.

      un caro saluto,
      Isabella
      http://bio-collagene.com

      http://colvita.genyc.net

      Reply


Leave a Reply